blocco scia dopo i 30 giorni

Blocco SCIA dopo i 30 giorni: il punto sulla giurisprudenza

Secondo l’art. 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241, la Pubblica Amministrazione, qualora manchino i requisiti necessari per la presentazione di una Scia, nel termine di 60 giorni dalla ricevimento della segnalazione, “adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e degli eventuali effetti dannosi”.

Sempre l’art. 19 prevede che nei casi di Scia in materia edilizia, il termine è ridotto a 30 giorni.

Ma cosa accade se un Comune ordina di non effettuare i lavori dopo la scadenza del termine?

Secondo la pacifica giurisprudenza amministrativa (vedi da ultimo TAR Puglia, Bari, 7.1.2019,n. 9) è illegittimo il provvedimento con il quale un Comune diffida a non effettuare i lavori, qualora tale provvedimento sia stato adottato successivamente allo spirare del termine di 30 giorni previsto dalla legge.

blocco scia dopo i 30 giorni
Blocco SCIA dopo i 30 giorni è illegittimo, ma può essere avviato il procedimento amministrativo ordinario.

Nel caso affrontato dal TAR Puglia, un Comune, a fronte di una segnalazione acquisita al protocollo comunale in data 4.12, aveva adottato e notificato il provvedimento di diffida in data 5.1 e quindi dopo 32 giorni dalla presentazione della segnalazione.

In tal caso, osservano i giudici amministrativi, una volta scaduto il termine previsto dalla legge si consolida la legittimazione del privato ad eseguire l’intervento edilizio ed il Comune non può più bloccare i lavori.

Va tuttavia precisato che, una volta decorso il termine per ordinare la diffida, non è che il Comune rimanga completamente privo di poteri: se, infatti, ritiene che la Scia non rispetti le previsioni di legge, deve iniziare un vero e proprio procedimento volto a verificare se sussistono le condizioni previste per l’annullamento d’ufficio.

In tal caso, però, l’Amministrazione comunale potrà procedere all’annullamento solo dopo aver comunicato alla parte interessata l‘avvio del procedimento amministrativo e solo dopo aver verificato se sussistono “ragioni di interesse pubblico“.

Per una consulenza da parte degli avvocati Berto in materia di


Blocco SCIA dopo i 30 giorni

Leave a reply