Gratuito patrocinio per separazione e divorzio: vediamo insieme quando è possibile.

Lo recita la nostra Costituzione: “tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi” (art. 24)
Tutti?

gratuito patrocinio per separazione

Gratuito patrocinio per separazione e divorzio

Tutti, alti e bassi, poveri e ricchi, di qualsiasi ceto, religione o convincimento politico,  senza distinzione alcuna.
La difesa, infatti, “è diritto inviolabile in ogni fase e stato del procedimento“.
Se una persona non avesse i mezzi economici per far fronte alla tutela dei propri diritti, “sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione“.

L‘istituto che ci interessa è, appunto, il patrocinio a spese dello stato:

allorquando un soggetto si trovasse nella necessità di intraprendere – vuoi come attore, vuoi come convenuto – un procedimento giudiziario, civile, penale, amministrativo, e non avesse redditi sufficienti per farvi fronte, potrà chiedere, ed ottenere se ve ne siano i presupposti, che sia lo stato a pagare il compenso al suo avvocato.

Requisiti per il gratuito patrocinio:

  • avere un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.528,41. Attenzione: nel calcolo vanno fatti rientrare tutti i redditi degli appartenenti al nucleo familiare.
    Se, pertanto, l’interessato convivesse con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante.
  • Nel reddito vanno fatti rientrare anche compendi – es indennità  ed  assegni erogati agli invalidi civili, l’assegno sociale – che per legge sono esenti dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta, (ad es. gli interessi sui conti correnti bancari o postali) ovvero ad imposta sostitutiva (ad es. interessi sui BOT o su altri titoli del debito pubblico).

Laddove ci fossero dette condizioni, si potrà presentare la relativa istanza presso il competente Ordine degli Avvocati, corredandola con idonea documentazione, eventualmente indicando da quale  avvocato, tra quelli iscritti nell’apposito elenco, si desideri essere assistiti.

gratuito patrocinio per divorzio

Gratuito patrocinio per separazione e divorzio: il protocollo di Vicenza

E nel caso di separazioni o divorzi? Quando è possibile avere il gratuito patrocinio per separazione e divorzio?

 

Vale anche in questo caso la possibilità di avvalersi dell’istituto in esame.
Il Tribunale di Vicenza, con un recente protocollo, ha dato la linea di indirizzo su alcuni punti controversi in proposito.
Se la separazione è giudiziale, nessuna questione. Ciascuno dei coniugi potrà chiedere il gratuito patrocinio per la separazione, allorquando rientrasse nei limiti di reddito sopra indicati.
Ben potrebbe essere dato che uno dei consorti possa accedere al beneficio, mentre l’altro, sforando il tetto massimo, dovesse pagare di tasca propria il difensore.

In caso di separazione consensuale, andrà operato un distinguo.
Nel caso in cui la coppia di coniugi intendesse avvalersi del medesimo difensore, per la concessione del beneficio non dovrà in alcun modo essere superato il limite di reddito sopra indicato, attualmente pari ad € 11.528,41, risultante dal cumulo dei redditi di entrambi i coniugi.
Se i consorti, per ragioni di opportunità, intendessero farsi assistere da avvocati diversi, ognuno il proprio, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati valuterà “caso per caso se ammettere al beneficio, tenuto conto dei redditi dei coniugi e del conflitto esistente sulle condizioni di separazione“. In questo caso, “i difensori dovranno documentare l’opera svolta per addivenire all’accordo di separazione“.
Se i coniugi fossero già separati ed intendessero procedere al divorzio, è naturale che, non essendo più conviventi, non opererà il cumulo dei redditi.

L’avvocato Andrea Berto unitamente al fratello Paolo Giovanni Berto si occupa di separazione e divorzi a Vicenza e fuori sede ed è iscritto all’elenco degli avvocati con il patrocinio a spese dello stato, riportato al seguente  link:

Il protocollo del Tribunale di Vicenza sul patrocinio a spese dello stato

La modulistica per chiedere il patrocinio a spese dello Stato-

Clicca qui per richiedere una consulenza sul “gratuito patrocinio per separazione e divorzio” allo Studio Legale Berto

Leave a reply