Risarcimento danni cane investito. Incidente-cane automobile-chi-risarcisce-il-danno?

Risarcimento danni cane investito. Chi vince il cane o la macchina?

Risarcimento danni cane investito. Chi vince il cane o la macchina?

Partiamo da un dato normativo Anzi: da due.

La legge pone a carico del proprietario di un automobile una presunzione di responsabilità in caso di incidente.
Ossia, “Il conducente di un veicolo… è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno” (art. 2054 cc).

Il secondo dato, è un’altra presunzione di responsabilità: “Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale , sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito” (art. 2052 cc.).
Ne discende che, in caso avvenisse un incidente automobilistico, oppure un animale cagionasse danno a qualcuno, ne risponderebbero rispettivamente il proprietario dell’auto e il padrone dell’animale.
Salvo che non dimostrino – loro – che il fatto non è ad essi imputabile, perchè avvenuto per caso fortuito o comunque perchè era inevitabile.
Bene. Come la mettiamo se l’incidente avvenisse tra un automobile e un animale, ad esempio un cane? Si può parlare di risarcimento danni per il cane investito?
In questa circostanza le due presunzioni di responsabilità ricorrerebbero entrambe e potrebbero dar luogo ad un concorso di colpa delle parti, proprietario del cane e dell’autoveicolo.
A meno che….
A meno che, come ha rilevato una recente sentenza della Cassazione, il Giudice, valutando caso per caso, non rinvenisse che una di esse abbia dato la prova liberatoria che la affranchi dalla propria responsabilità. In questo caso resterà in piedi solo la presunzione a carico dell’altra parte, che dovrà difendersi analogamente, se non volesse assumersi l’intero carico di colpa.

Ecco allora le tre ipotesi che potrebbero verificarsi:
1) nessun proprietario – dell’auto e del cane – riesce a superare la presunzione di colpa a proprio carico: entrambi rispondono dell’evento dannoso.
2) solo uno dei proprietari dimostra la propria condotta diligente e di non aver potuto impedire l’evento: risponde la controparte.
3) entrambi i proprietari riescono a provare che l’evento dannoso sfugge alla propria sfera di controllo: nessuno sarà tenuto a risarcire il danno e chi lo abbia conseguito se lo dovrà sobbarcare.

Risarcimento danni cane investito da macchina

Incidente-cane automobile-chi-risarcisce-il-danno?

Nel caso esaminato dalla Suprema Corte, il proprietario dell’auto aveva dimostrato che la propria automobile procedeva regolarmente lungo la via, allorquando un cane gli si era parato innanzi, causando la collisione.
Appurato che lo scontro non sarebbe stato evitabile dal conducente, circostanza che lo assolveva dalla presunzione di responsabilità, rimaneva al proprietario del cane il compito di dimostrare che l’incidente era avvenuto per caso fortuito. Ma non vi è riuscito, posto che l’animale era sfuggito al suo controllo.

E, pertanto, per questa volta i danni li ha pagati il padrone sbadato e quindi adios risarcimento danni cane investito.
Nella speranza che almeno l’animale non si sia fatto molto male.

La sentenza: Cassazione civile, 17 febbraio 2017, n. 4202

Clicca qui per richiedere una consulenza su ” risarcimento danni cane investito” allo Studio Legale Berto

Leave a reply